COMPITO DI REALTÀ Se vogliamo che tutto rimanga com’è, BISOGNA CHE TUTTO CAMBI

“Se vogliamo che tutto rimanga com’è,  bisogna che tutto cambi “ è  il titolo di un compito di realtà pensato per una  classe prima della Sede Centrale della Scuola “Bernacchia-Brigida”.

È stato scelto questo titolo non solo per caratterizzare il lavoro,  ma anche  per problematizzare, partendo da una   situazione motivante.  Un titolo speciale, con un   riferimento letterario  al famoso romanzo  “Il Gattopardo” ha , inoltre, attribuito una certa rilevanza all’attività stessa. La gestione della classe è  stata l’esigenza reale da cui si è partiti ed è stata inizialmente spiegata agli alunni l’espressione paradossale di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, adattata al contesto/classe: affinché non vengano presi  provvedimenti , è necessario che cambi il comportamento  e  l’atteggiamento degli allievi  durante le lezioni e nei confronti della scuola.

L’attività, complessa e nuova,  si è sviluppata in tre diversi momenti: la progettazione, la produzione e la valutazione. In un primo momento, per il piano di lavoro, si è partiti dalla competenza chiave n. 6  (Sociale e civica) e dagli obiettivi di apprendimento (Essere consapevoli di trovarsi in un contesto-classe, ecc.). Si  è deciso poi  lo scopo (realizzare un Reportage), il destinatario (il Dirigente Scolastico), si sono predisposti i modelli per le autobiografie cognitive e le griglie per la valutazione dei  compiti intermedi e finali.

Un secondo momento è stato caratterizzato dalla  produzione pluridisciplinare.  La docente di geografia, Prof.ssa Lalli, è stata coinvolta per guidare gli alunni a strutturare un primo  questionario da somministrare ai docenti della classe e a registrare su un quaderno i commenti degli insegnanti. Il docente di matematica, prof. Piccininno,  ha  aiutato  la classe a rappresentare i dati raccolti con diagrammi cartesiani e ad analizzare e confrontare i dati stessi.  La docente di italiano, Prof.ssa  Iadanza,  ha  insegnato agli alunni, partendo da una mappa concettuale,   a scrivere una relazione su un’attività didattica. Infine, la docente di arte, Prof.ssa Pagliarulo, ha  orientato gli allievi a raccogliere tutte le informazioni necessarie e a cercare la veste grafica migliore per il compito/prodotto.

Il terzo e ultimo momento del compito di realtà ha riguardato la  valutazione del prodotto, del processo e dei livelli di competenza raggiunti da ciascun alunno (ABCD). Dopo aver redatto il Reportage, lo stesso  è stato ufficialmente  consegnato al Dirigente Scolastico e ciascun alunno ha ricevuto un attestato di partecipazione per l’impegno profuso e per la dedizione dimostrata in tutte le attività proposte.

 

 

 

 

Share

Comments are closed