EPICA MEDIEVALE E CLIL

La metodologia CLIL può essere efficace anche nello studio dell’epica medievale. Insegnare il Ciclo carolingio, il Ciclo bretone e il  Ciclo castigliano  in una lingua straniera, in questo caso il francese, l’inglese e lo spagnolo può essere gratificante, per gli studenti e per gli insegnanti. Insomma un CLIL  di epica ben strutturato, con le necessarie premesse, può ottenere un buon risultato sia in termini linguistici, sia disciplinari. Inoltre può costituire un buon modello di pratica didattica anche in italiano. La presentazione in italiano e in lingua straniera delle seguenti opere letterarie, La Chanson de Roland,  La leggenda di re Artù   e  Il Cantare del mio Cid  ha cercato di sviluppare:

  • Competenze trasversali (accuratezza, autonomia, proattività, problem solving, cooperative learning)
  • Competenze linguistiche
  • Competenze digitali (presentazione PPT)
  • Competenze sociali e civili

Inoltre, la continuità verticale tra la Scuola Primaria “Principe di Piemonte” e la Scuola Secondaria di I grado “ Bernacchia-Brigida” ha rappresentato un valore aggiunto all’iniziativa e ha reso più completa l’attività interdisciplinare.

Share

Comments are closed